3 luglio 2013

NUOVE REPRESSIVE SUL CARCERE DI FERRARA



Riceviamo e diffondiamo:

A seguito della corrispondenza con alcuni compagni anarchici rinchiusi 
nel carcere di Ferrara, ci è stato raccontato di come si starebbe 
approntando un “Nucleo Antiterrorismo” della Polizia Penitenziaria di 
stanza proprio nel carcere dell’Arginone.

La creazione di questo ennesima specializzazione per boia rientrerebbe 
all’interno di un progetto pilota a carattere nazionale, avviato proprio 
a Ferrara dove alcuni mesi fa è stata “inaugurata” una nuova sezione A. 
S. 2 per i prigionieri anarchici.

L’Amministrazione Penitenziaria sembra intenda voler stringere ancor più 
la morsa sui compagni rivoluzionari sequestrati dallo stato, istituendo 
un nuovo nucleo specializzato, con il prevedibile scopo di poterne 
meglio gestire e conoscere le corrispondenze ed i rapporti con i 
compagni fuori dalle mura.

Per quanto, invece, riguarda la “quotidianità carceraria”, il livello di 
paranoia delle guardie rimane alto: anche una semplice traduzione per 
una visita ospedaliera viene gestita con parecchi secondini armati di 
mitra e con il compagno ammanettato fin dentro la sala a raggi x. 
Nessuna saletta per la socialità in comune è stata attrezzata, lo stesso 
vale per la palestra.

A breve, ulteriori aggiornamenti.

Nessun commento:

Posta un commento