7 maggio 2013

SOLIDALI CON LA EX CUEM OCCUPATA

Solidali con la ex Cuem occupata

Distruggono la libreria, manganellano gli studenti…manca solo il rogo dei libri. 
Questa mattina siamo entrati in università e ci si è presentato un vero e proprio scenario di guerra:
Lo spazio della libreria ex-Cuem non è stato semplicemente sgomberato, è stato completamente devastato, spariti i libri, spariti i computer, i tavoli, le pareti, la cucina e persino il pavimento.
Subito abbiamo deciso di non permettere che la vita dell’excuem venisse interrotta e abbiamo riallestito la libreria nell’atrio. Dopo una grossa assemblea nel primo pomeriggio, in tante e tanti ci siamo mossi in un corteo interno terminato con l’occupazione di un nuovo spazio. Non un’aula a caso, ma una stanza privatizzata e normalmente data in gestione a interni o chi per esso per farci la casa base delle loro speculazioni in università durante salone del mobile o career day. Quel posto è vuoto per la maggior parte del tempo, ci abbiamo trovato degli scaffali vuoti…non come quelli dell’excuem, però erano perfetti per essere riempiti di vita e progetti slegati dal profitto.
Il rettore Vago e il cda della Statale si sono assunti la responsabilità di richiedere l’intervento della polizia. In quel momento abbiamo deciso di resistere alle intimidazioni e alle minacce della Digos. Oltre 60 poliziotti in tenuta antisommossa hanno caricato a freddo spingendoci alle porte dell’università, con una ferocia completamente ingiustificata. Quattro studenti in ospedale, un braccio, un polso e due teste rotte. Questo è il volto dell’amministrazione universitaria. Oggi è stato messo in campo un precedente inaccettabile per l’università di Milano, per gli atenei di tutta italia e per tutte e tutti in generale. Questo è solo un episodio che si iscrive nel loro piano di “gestione del dissenso” in Italia e in Europa, un dissenso gestito con una repressione brutale. Anche noi però usciamo forti da questa intensissima giornata e dopo aver appena terminato un presidio in via Festa del Perdono e una partecipatissima assemblea fuori dalla Statale, invitiamo tutte e tutti quelli che si sentono solidali, incazzati neri, per nulla disposti ad ingoiare questo attacco a chi lotta, costruisce percorsi, si attiva, partecipa domani.
-dalle 8,30 : banchetti diffusi in università,interrompiamo le lezioni e comunichiamo a professori e studenti la nostra rabbia
-dalle 10: dove loro distruggono, noi ricostruiremo!
-dalle 12: pranzo in atrio
-dalle 14: ASSEMBLEA PUBBLICA! Discutiamo con chi vuole condividere la rabbia, le impressioni, le considerazioni sulla giornata, ci organizziamo con chi vuole dare una risposta.
#STANDUP4EXCUEM   #VAGODIMETTITI

FONTE

Nessun commento:

Posta un commento